Lo statuto

ART.1
E’ costituita la “Fondazione Sassi” con sede in Matera.

ART.2
La Fondazione non ha fini di lucro.
Sono scopi della Fondazione:
– favorire e sostenere il recupero dei rioni “Sassi” di Matera promuovendo la costituzione di istituzioni educative, sociali, culturali, artistiche e formative, occorrendo, in collaborazione con quelle cittadine esistenti;
– promuovere studi e ricerche che valorizzino il patrimonio culturale della Basilicata;
– organizzare e favorire incontri, seminari, convegni, giornate di studio, corsi di preparazione e perfezionamento professionali;
– conferire o assumere incarico di conferire contributi e/o borse di studio;
– collaborare con amministrazioni pubbliche e private, con altre Fondazioni e organismi di qualsiasi altra natura, anche non italiani, ritenuti idonei allo scopo, stipulando con essi accordi e convenzioni.
Le forme e le modalità attraverso le quali realizzare, con graduale progressione ed estensione, le finalità dell’Ente sono determinate e disciplinate dal consiglio di amministrazione, di cui al successivo art.4.

ART.3
Il patrimonio della Fondazione è rappresentato dal fondo di cui all’atto di costituzione della Fondazione stessa, integrato dagli apporti successivi.
La Fondazione provvede al conseguimento dei suoi scopi con le rendite del patrimonio o di eventuali eredità, lasciti, donazioni, elargizioni e con ogni altro provente non destinato ad aumento del patrimonio.

ART.4
Sono organi della Fondazione:
Il Consiglio di Amministrazione;
Il Collegio dei Revisori dei Conti;
Il Consiglio di Fondazione.

ART.5
La Fondazione è retta da un Consiglio di Amministrazione formato da cinque componenti la cui designazione spetta al Consiglio di Fondazione. I designati durano in carica cinque anni e possono essere riconfermati.
Per le nomine sono richiesti imprescindibilmente i requisiti di professionalità e competenza nei settori di intervento della Fondazione.
La carica di consigliere d’Amministrazione non è incompatibile con la carica di componente del Consiglio di Fondazione.

ART.6
Il Consiglio di Amministrazione designa il Presidente, che avrà la rappresentanza legale dell’Ente, ne cura la vita e ne promuove lo sviluppo secondo lo statuto e le determinazioni dello stesso Consiglio.
In caso di assenza o di impedimento, le attribuzioni del Presidente spettano al Vice Presidente, parimenti designato dal Consiglio.

ART.7
Le adunanze del Consiglio di Amministrazione saranno, nel corso dell’anno, due ordinarie e varie straordinarie.
Quelle ordinarie avverranno:
– la prima entro il 30 aprile per l’approvazione del bilancio consuntivo;
– la seconda entro il 31 ottobre, per l’approvazione del bilancio preventivo.
Le altre saranno convocate dal Presidente quando lo stesso lo crederà opportuno o per domanda motivata e scritta di almeno quattro componenti il consiglio.

ART.8
Per la validità delle adunanze del Consiglio di Amministrazione è necessaria la presenza della maggioranza dei suoi componenti.
Le deliberazioni sono prese con la maggioranza assoluta dei voti presenti, salvo per le modifiche statutarie per le quali occorre il voto favorevole di almeno due terzi dei membri del Consiglio di Amministrazione.
In caso di parità, prevarrà il voto del Presidente.
Il Consiglio è convocato dal Presidente almeno cinque giorni prima della data prescelta.
L’avviso di convocazione deve contenere l’indicazione degli argomenti all’ordine del giorno.

ART. 9
Il Consiglio di Amministrazione delibera i bilanci preventivi ed i conti consuntivi e provvede affinché i fini istituzionali siano scrupolosamente osservati.

ART. 10
Il controllo della gestione, i riscontri di cassa e la contabilità in genere, sono esercitati da un Collegio di Revisori dei Conti, composto di tre membri effettivi nominati:
– due dal Consiglio di Fondazione;
– uno dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione.
I Revisori dei Conti possono assistere alle riunioni del consiglio di Amministrazione.
Il Collegio dei Revisori dei Conti elegge nel suo seno il Presidente.
I Revisori durano in carica cinque anni e possono essere riconfermati.
Il Collegio predispone le relazioni al bilancio preventivo ed al conto consuntivo che devono essere presentate al Consiglio di Amministrazione unitamente ai bilanci.
La carica di Revisore dei Conti non è incompatibile con la carica di componente il Consiglio di Fondazione.

ART. 11
L’esercizio finanziario della Fondazione ha inizio il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ciascun anno.

ART. 12
Il Consiglio di Fondazione è composto di tre membri scelti:
– con nomina a vita, salvo rinuncia;
– con delibera del Consiglio di Amministrazione adottata all’unanimità;
– tra coloro che abbiano significativamente contribuito al perseguimento dei fini statutari della Fondazione.
I componenti del Consiglio di Fondazione hanno facoltà di partecipare alle riunioni del Consiglio di Amministrazione con voto consultivo. La nomina non è retributiva.

ART. 13
Il Consiglio di Amministrazione ha facoltà di nominare un comitato scientifico che lo assista nella sua attività culturale. Esso rimane in carica per il periodo in cui resta in carica il Consiglio di Amministrazione che lo ha nominato.

ART. 14
Possono partecipare alla vita della Fondazione enti, società e privati, liberi di accedervi mediante apporti finanziarie / patrimoniali.

ART. 15
In caso di scioglimento della Fondazione il patrimonio andrà al comune di Matera, purché sia destinato ad opere di recupero e salvaguardia da attuarsi nei rioni “Sassi”.

ART. 16
Per quanto non espressamente previsto nel presente statuto, si applicano le disposizioni di legge vigenti nella materia.